Mots-clefs

le mie cose colorato_96

Un uomo in tuta potrebbe cominciare…

Ci vorrebbe un balletto angelico e sornione
leggero, ma dentro gli odori appiccicaticcio.
Per invito le mie dame, i miei amici diversi
accorrerebbero domandandosi dove sono.
Se quel giorno non fosse perchè sono morto
se fosse un pomeriggio viola di brezza
e un ordinato disegno di cose
accogliesse l’assalto delle terre che ho seminato.
Quando potrò amare senza avarizia
senza ambiguità le mie cose
questa forza di cercare la vita salirà come viticcio
a conquistare il castello, i freschi giardini
le oasi di pace.
Ecco, un giorno come questo
mentre curo, attento, l’orto di un amore vero
mentre osservo senza angoscia i miei gesti
le mie irruenze, le mie stanchezze,
un uomo in tuta potrebbe cominciare
a scaricare nella strada, dal grande camion
le mie cose.

Giovanni Merloni

De « Il treno della mente » (« Le train de l’esprit »), Edizioni dell’Oleandro, Rome 2000 —  ISBN 88-86600-77-1

TEXTE EN FRANÇAIS