Mots-clefs

hirondelle_trattata def

Il treno come una rondine capofila (1979)

Il treno come una rondine capofila
sta portando la calzamaglia blu della notte
dentro l’aria diradata, senza profumi
dell’inverno.
Io mi immagino
di saltellare assecondando il gracchiante
o acuto o sibilante o cieco
rimbombo delle parole imprigionate
nel borsellino della mia gola.
Io e il tempo ci inganniamo
perché se questa costanza è figlia della pigrizia
se questa pigrizia è sorella del dolore
se questo dolore…
Il treno si sposta come una spirale
dentro una chiocciola di stucco
il graffito è come un piccolo fumo
sembra proprio che niente resti.
Mentre diventano
tenui bagliori, disordinate visioni
i mondi ricordati
le migliaia di situazioni perdute
con i loro colori
con i loro squallori, i loro entusiasmi
rivivo la cronaca, il mito
la sceneggiatura frammentaria, affannosa
del mio passato.
E rido stupito, eccitato
davanti al tempo squarciato
alla solitudine cercata
come un elegante vestito
o rimossa come un incubo ossessivo.
Il treno cammina, tagliando senza fatica
con andatura da ubriaco
il pallone di gomma ed acqua
del futuro.

Giovanni Merloni

Questa poesia è protetta da ©Copyright

De « Il treno della mente » (« Le train de l’esprit »), Edizioni dell’Oleandro, Rome 2000 — ISBN 88-86600-77-1

TEXTE EN FRANÇAIS