Mots-clefs

001_abbraccio 180

“Dove sei, Bologna?” (1989)

Scivola sulla fronte
un po’ stanca
incidendo nuove rughe di sabbia,
soffocando i suoni e i gesti
in un voluminoso soffio
d’aria gialla;
penetra nei labirinti inceppati
della mia mente ricurva
il treno emiliano.

Mi porta nelle mani
un sottile leggero sudore
la veloce emozione
evocata da una parola.

Dove sei, Bologna? Dove sei
Luce scolpita nella pietra?
Scarabocchio d’ombre e di voci
Che fine hai fatto? Ed io, dove sono?
dove affondo gli occhi
i denti e i baffi?
dove sono i portici e i guasti?
le panchine e i gesti inopportuni?
dove siamo ora?

002_bologna 001 180

Bologna è qui davanti,
nel libro universitario
di una ragazza silenziosa;
le sue case sono lì
dietro quel casolare di mattoni
dietro quella via di prima periferia.

Io rileggo sulla tua bocca
un sospiro che per poco
per un lunghissimo istante
ho afferrato
assaporato
ingoiato
tenuto segregato
tra le gambe
tra le braccia e le mani.”

003_piazza santo stefano NB

Mi ricordo, si snoda
una via e una piazza
nel solitario viandare,
appena guardando, in fretta
dentro i negozi,
verso i robusti polpacci
di una fornaia…

Io rileggo e riscrivo
indeciso se rimpiangere
un lungo attimo sensuale
o una tua toccante parola.
dove sei, Bologna?

004_1979 bologna (103) 180

Giovanni Merloni

écrit ou proposé par : Giovanni Merloni. Première et Dernière modification 15 mai 2014

TEXTE EN FRANÇAIS

CE BLOG EST SOUS LICENCE CREATIVE COMMONS

Licence Creative Commons

Ce(tte) œuvre est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution – Pas d’Utilisation Commerciale – Pas de Modification 3.0 non transposé.