Mots-clefs

002_bruttina portastracci Iphoto 180

Mi sono accodato a una fila di passi

Un morto è portato su una carrozza
e un fiore si spegne con lui sul suo legno
e due donne di nero.
E un lungo corteo ogni giorno.
E ogni giorno un lungo corteo
che segue col morto la morte

Vont sur la plage
Vont, pâle ermitage
Vont, ils suivent un mort
Vont pleurer son sort.

Mi sono accodato a una fila di passi
non vedendo il principio né la fine.

E’ doloroso più della morte
ridare ad un corpo il suo nome
a ciò che è rigido, immobile, vuoto
l’immensa soddisfazione di seguire funerali
di acquistare corone di fiori e vestiti di nero
l’enorme piacere della vita.

Ma chi ci abbandona si porta via tutto
affonda le sue mani stecchite
nella nostra memoria. E ci invecchia.

Così siamo più preparati
a sapere che saremo soli.

Giovanni Merloni

Questa poesia è protetta da ©Copyright