Mots-clefs

forbici icona 180

Forbici

Perché ascoltare
questo rumore di forbici
mentre questi fogli cadono
sulle nostre ginocchia
sulla terra di foglie ingiallite ?

Tu hai dei begli occhi
e delle labbra rosse
tu hai un profumo selvatico
bello come la mattina
tu hai un collo fresco
e due mani bianche.

Sul tuo volto c’è la polvere
di questa stanza e sul tuo vestito
questa fastidiosa aria chiusa.

Sulle tue ginocchia
cadono i pezzettini di carta
e sulle mie cade
a pezzettini ogni ricordo.

In questa stanza buia
raccogliamo sulle nostre ginocchia
noi stessi, a pezzi piccoli.

E forse questi rivoli di carta
senza più forma
sono le nostre lacrime non sparse
le nostre luci, rimaste spente
di fronte a questo paio di forbici
aperte, pronte a tagliare.

Giovanni Merloni

TEXTE EN FRANÇAIS

Questa poesia è protetta da ©Copyright