Mots-clefs

008_thérèse augmentée 180

Le due lune

Ho a lungo meditato
qui a cavalcioni del muro
e tu luna di carta trasparivi
oltre i pali ti dondolavi
nell’armonia delle stelle.

Ho costruito una casa
senza cemento senza grigio senza ombre
ho percorso quel lungo corridoio
senza perdere il tuo sguardo
i tuoi occhi aperti nella sera.

Sotto il mio muro
gli uomini camminano tra le bucce d’arance
e il riflesso tuo luna trasparente
azzurra celeste grigia bianca
luna tra due case scure
sperduta
nell’armonia delle stelle.

E mentre sognavo, a cavalcioni
un’altra immagine comparve dal cielo
sfocata bionda felice
l’altra,
togliendo il velo del muro
davanti agli occhi
e tu luna impaurita ti nascondevi
nel crollo di tutte le cose
rompendo dispettosa
l’armonia delle stelle.

L’altra è qui, sulla mia spalla
a cavalcioni sul muro
più bella che mai
indifferente a tutte queste ombre grigie
di cemento.

Non ti vedo più
luna piuma trasparente
illuminare il cielo
tra due case buie
nell’armonia delle stelle.

Giovanni Merloni

TESTO IN FRANCESE

Questa poesia è protetta da ©Copyright