Mots-clefs

001_Egitto miele 001 180

Mi avvicino a un muro di gesso

Mi avvicino a un muro di gesso
e mi sento uomo
a pensare il silenzio
a valicare l’orizzonte
coi miei passi.

Incontro per caso
una voce
che rimbomba gentile
nell’aria
una bocca socchiusa
due occhi profondi
che scrutano nel fondo
perduto
dell’orizzonte.

Ma l’amore non è qui
l’amore che ci serve
è lontano, si perde
oltre il primo orizzonte.

Io mi siedo
su un muro polveroso
distrutto
tu ti siedi
su due cuscini d’erba
ma l’amore non è qui.

E’ lontano l’amore
ci sfugge alla presa.

Mi alzo
e mi volto verso la luce
tu dietro
ti dissolvi faticosamente.

E io debbo valicare
il mio primo orizzonte.

002_Egitto miele 002 180

Giovanni Merloni

TEXTE EN FRANÇAIS

Questa poesia è protetta da ©Copyright