Mots-clefs

combien de mots_740

Quante parole

Quante parole
cominciate per stanchezza
quante parole parole parole
per dirci quanto
ci è mancato di noi
di me di te, di te di me
di ieri e di oggi.

Quante parole per dirci
il bisogno di credere giusto
questo nascondiglio
di credere giusto
questo silenzio di baci.

Quante parole
per dare forza
a una scelta non nostra.

Quante parole
difficili e bizzarre
abbiamo inseguito
per celare l’orgoglio
l’imbarazzo, la gioia dell’incontro
il dolore della solitudine
la pigrizia dolciastra
del ritorno a casa
da lei da lui, da lui da lei.

Quante parole inutili
per sentirci cinici, egoisti
vittime, eroi solitari
dediti alla musica del mare.

Quante parole
per falsare tutto
per finire poi in un nuovo
ordine di gesti, in un nuovo
vero freddo-caldo
colloquio di innamorati.

Quante parole
ormai lontane
in un silenzio scandito
da suoni rotti e piccole grida.

Quante parole,
dal profondo di una notte
che finirà in un altro letto.

Quante parole
Per lamentarci
di essere arrivati secondi.
per poterci promettere
ancora un poco
di quello prendiamo
come ladri.

Quante parole
ereditiamo
dalla nostra paura del buio
dalla nostra miserabile nobiltà.

Quante parole
entrano escono
dalle nostre bocche
dalle nostre labbra
entrano escono
dai nostri occhi chiusi
dai nostri cauti, addormentati
abbandonati
orizzonti lontani.

Giovanni Merloni

TEXTE EN FRANÇAIS : 

Questa poesia è protetta da ©Copyright