Mots-clefs

121_fauteuil 180Comincia la schermaglia

Comincia la schermaglia
delle tue parole taglienti
delle tue lucide analisi
dei tuoi appelli alla coerenza.

Mentre mi rintano
nel silenzio strano e ben noto
di uno specchio in penombra

e mi ricordo
del vecchio comò
dei ritratti ingialliti
dei capelli bianchi
appiccicati alla spazzola nera

e sobbalzo all’eco
dei richiami dell’arrotino
sommersi dagli spruzzi
sulla strada bollente

mi sovviene, in blocco
tutta la mia vita

(dovrei raccontartela
perché si vesta di un nuovo senso
perché si spogli della tua misura).

Riparte la schermaglia
della tua giovinezza
del mio velleitario cinismo
gloria e vanagloria
di un uomo
che assiste come spettatore
distaccato e sconvolto
a una tragica
nascosta illusione.

Oramai non ti aspettavo più.
Entra, dài! Che fai
lì sulla porta?

Giovanni Merloni

TEXTE EN FRANÇAIS

Questa poesia è protetta da ©Copyright