Mots-clefs

001_je m'endormais 740

Giovanni Merloni, Titiro e l’albero genealogico (Parigi)

Qui / là

Qui
su questa riga sfumata,
a zig zag
nella sabbia
tra gli sputi
e i vomiti

qui
ridotto a fare il prestigiatore
ti penso
e ti abbraccio nel vuoto
sbattendo la testa
contro i ricordi
contro i desideri perduti
senza mai morire.

Qui
tra questi binari
e queste valigie
su questi acciai di treno
mille volte fischiati
non smetto mai di andare
lontano da te.

Là,
isolato, deportato
dondolerò
tra due sogni
impossibili.


sarò troppo lontano
e tu non potrai
immaginare
questi sipari perduti
queste ombre senza voce.


anche tu sarai partita
lontana
rassegnata e folle
circondata di volti senza voce
di voci senza volto.


ognuno di noi
si seppellirà
dentro corridoi vuoti
insignificanti e muti
che non avremo avuto il tempo
di sognare insieme.

Giovanni Merloni

Questa poesia è protetta da ©Copyright